Intesa interregionale sulla logistica: quali sviluppi?

Una mozione in Consiglio Regionale per conoscere quali atti sono stati intrapresi per lo sviluppo della Logistica piemontese dalla firma del protocollo di intesa tra Liguria, Lombardia e Piemonte lo scorso anno.

Il 28 febbraio scorso ho presentato una mozione in Regione Piemonte, relativa al Protocollo d’Intesa per l’attuazione delle iniziative strategiche per lo sviluppo della logistica del nord-ovest in Italia, firmato il 9 aprile dello scorso anno, dal Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e dai presidenti delle Regioni Piemonte, Sergio Chiamparino, Lombardia, Roberto Maroni e Liguria, Giovanni Toti, presso gli Stati Generali della Logistica di Novara.

Nell’ordine ho chiesto informazioni su:

1 – quali siano gli atti che la Regione Piemonte ha intrapreso e vorrà intraprendere al fine di incentivare lo sviluppo degli interporti pubblici e privati del Piemonte e permettere al nostro sistema intermodale e logistico di contribuire alla ripresa economica del paese ed essere garanzia di promozione della sostenibilità;

2 – quali siano gli sviluppi dell’attivazione della Cabina di Regia che sarebbe dovuta nascere dopo la sottoscrizione del Protocollo degli Stati Generali;

3 – quali siano stati i criteri di valutazione per la composizione della Cabina di Regia ed in particolare se sia stato adottato un superamento della logica partitica così come nel documento sottoscritto tra i tre governatori delle regioni ed il Ministro Delrio.

L’occasione anche per evidenziare come sia la Finanziaria 2016 e in particolare la legge sulla logistica, infrastrutture, intermodalità e trasporti, sia il piano industriale 2017-2020 di FS possano essere uno spunto di riflessione su quanto le altre regioni coinvolte stiano facendo in questo campo.

Come già sottolineato nell’interrogazione presentata alla Regione il 22 giugno 2015 sull’integrazione degli interporti Piemontesi, sono seriamente convinto del ruolo strategico del nostro territorio. Soprattutto dopo l’impegno preso dal Governo con la firma del protocollo interregionale per lo sviluppo della logistica del nord/ovest, che lo vede impegnato come promotore sul fronte della logistica e dei trasporti. Sono un fermo sostenitore dello sviluppo economico purché proceda a pari passo con la sostenibilità e che si integri in maniera virtuosa nel territorio.

Assieme a diversi miei colleghi, ritengo che sia necessario rimanere uniti, superando le logiche partitiche, che spesso portano solo a sterili discussioni e ad ostacolare la possibilità di dare più ampio respiro al nostro territorio.